L’iniziativa di carità per la Quaresima 2019 che vede coinvolta tutta la comunità pastorale è a favore della missione di Padre Sandrino Garbagnati, senaghese, comboniano, ora in terra brasiliana, in piena Amazzonia. Strade, fiumi da percorrere o navigare, per raggiungere il “popolo di Dio” che lì abita, vive e soffre tutti i problemi conseguenti alla devastazione dell’Amazzonia.

Ci scrive:

 “In questi ultimi mesi è viva la problematica del Venezuela, con i migranti che fuggono a causa della situazione incerta e che cercano rifugio nel Brasile, già pieno di problemi. L’arcidiocesi affronta con coraggio e competenza questa nuova situazione. Anche la Caritas sta facendo un buon lavoro per l’accoglienza di nuclei familiari. Noi comboniani siamo responsabili di 3 parrocchie, una in centro, le altre “fluviali”, località difficili e costose da raggiungere, soprattutto quelle più lontane e povere. Vivono di pesca, o coltivando un pezzettino di terra, lontano da tutto e da tutti (da scuola, ospedale, ambulatorio…) e con l’incubo della piena del fiume.

Risale al 2014 la più grande inondazione del paese, quando il livello del fiume si è alzato di ben 20 metri: varie comunità in riva al fiume sono rimaste gravemente danneggiate. Chi ha perso la casa, animali (mucche, galline, suini…), attrezzi agricoli. Le piene passano, ma chi è potuto tornare ha perso tutto e ha dovuto ricominciare daccapo. I danni – e i traumi psicologici però – rimangono ancora.

Quale sarà il nostro destino”? è quello che si domandano le generazioni che, anno dopo anno, vivono la stagione delle piogge con paura. Le comunità della parrocchia in città aiutano le parrocchie fluviali portando alimenti, vestiti e qualche offerta, grazie ad un gruppo missionario – formato da giovani – che si reca là visitando famiglie e animando le celebrazioni.

La grazia del Signore opera ovunque ci siano cuori disposti… Credo sia questa una delle gioie della missione:

“La destra del Signore si è alzata, la destra del Signore ha fatto meraviglie…”

Dal Salmo 117 (118)

La lettera completa inviata da padre Sandrino alla nostra comunità è scaricabile QUI.

Buon cammino di quaresima, in unione di preghiera e ricordo reciproco.